Testo

Post con Tag ‘condividere’

L’importanza della mission nel sociale: 3 casi che parlano da soli

Mission, nonprofit e fundraising

La mission è uno dei cinque assi alla base del successo di un’organizzazione non profit alla ricerca di fondi per finanziare i propri progetti. È perciò vitale renderla chiara e rappresentarla al meglio a tutti i soggetti potenzialmente interessati a donare fondi.

Da un’indagine GfK Eurisko risulta che il 58% dei donatori regolari sostiene un’organizzazione non profit per la sua mission/causa. Lo stesso avviene anche nel caso del 77% di donatori saltuari.

Il coinvolgimento personale e la fiducia sono motivazioni meno decisive nella scelta del donatore rispetto all’identità sociale espressa nella mission.

Sono sempre più, perciò, gli attori sociali che hanno compreso l’importanza di una mission chiara dall’esterno e condivisa all’interno dell’organizzazione, per diventare protagonisti di sviluppo sociale con il sostegno dei donatori e nel ruolo di investitori sociali.

Lo slogan: “No mission? No money!” riassume l’incapacità, soprattutto per il non profit, di attrarre risorse economiche senza una mission, con il conseguente “No money? No mission!”.

Mi hanno favorevolmente impressionato alcuni episodi recenti rivelatori delle scelte di fondo di tre attori sociali importanti (due non profit e una banca cooperativa) nella “difesa” della propria mission. Mi hanno ricordato che ogni organizzazione non profit deve salvaguardare il suo patrimonio di valori e la propria identità al di là di scelte momentanee di convenienza.

Leggi subito

Social Media per il Fundraising: procediamo con ordine!

social-media-non-profit

Facebook, Twitter, Tumblr, Instagram, Pinterest, Flickr, LinkedIn, Google +, Vine, WordPress, Myspace, Foursquare… Queste poche piattaforme bastano solo a scalfire la punta dell’iceberg delle possibilità offerte dal mondo dei social media. Cerchiamo però di stare attenti e non disperderci troppo!

Ogni social network ha la sua destinazione d’uso: condivisione di contenuti testuali, immagini, geolocalizzazione, microblogging, videosharing e così via.

La cosa importante, a questo punto, diventa quella di saperne scegliere due o tre in grado di veicolare al meglio la nostra causa sociale, evitando in questo modo di cadere nel tipico errore di aprire una ventina di profili e di gestirne realmente solo tre.

Il rischio di aprire un profilo su un social network è reale se non lo si fa con le dovute cautele: pensiamo ad un utente che ci scrive su Twitter al quale non rispondiamo mai perché l’ultima volta che ci siamo collegati al servizio di microblogging eravamo connessi con il modem 56k! Cosa può pensare di noi?

Sicuramente niente di positivo! Abbiamo perso così un contatto e chissà quanti altri, dal momento che sui social network è facile condividere il proprio disappunto con altre persone connesse al nostro medesimo account.

Il mio consiglio è quindi di scegliere con criterio e con coscienza le nostre possibilità. Facciamo qualche esempio.

Leggi subito

Mobile fundraising: occasioni e prospettive

mobile-fundraising

“Il mondo in una mano”, cita lo slogan di un colosso tecnologico riferendosi al sempre più grande mercato degli smartphone.

La domanda però è: quale mondo? Il nonprofit? In Italia?

Rispetto ai nostri colleghi europei siamo decisamente indietro, sia per possibilità che per inventiva e questo è davvero un peccato! Basti pensare che il 53% degli italiani ha uno smartphone e, che questi siano di un tipo o di un altro, il concetto è sempre lo stesso: connettività sempre e a portata di mano.

Se ci pensiamo bene è vero: è l’oggetto che usiamo di più durante il giorno, ci leggiamo le notizie, ci guardiamo il meteo, lo sport e un’infinità di altre cose! Perché, allora, la Ong per la quale dono non deve far parte di questo universo?

Siamo sempre in cerca di forme di comunicazione innovative; vogliamo infatti arrivare al cuore dei donatori ed estendere la nostra rete di contatti. Non possiamo permetterci di tralasciare l’enorme fetta di possibilità che ci propone il mondo della telefonia mobile.

Leggi subito

Aprire un blog: fundraising e comunicazione

perché-aprire-un-blog-fundraising

Il blog sarà ancora per lungo tempo lo snodo nevralgico della comunicazione on line. Lo dicono i numeri di WordPress, la piattaforma più completa per la gestione dei blog. Nel momento in cui scrivo quest’articolo i blog e i siti sviluppati con WordPress sono quasi 68 milioni in giro per il mondo (erano 67 milioni un mese fa e 62 milioni a marzo).

L’era del Web 2.0 non ha scalfito la diffusione dei blog, i quali, al contrario, hanno saputo integrarsi a pieno con le nuove possibilità offerte dai social network, potenziandole e donandogli significato.

Per questo una seria strategia di comunicazione on line non può prescindere dall’aprire un blog. Comunicare on line è utile e pressoché inevitabile visto che:

Leggi subito

La comunicazione per il fundraising passa anche per il Videosharing

video-fundraisingNavigando per la rete, mi capita con frequenza di imbattermi in molti video dedicati a campagne di fundraising, come se stessero diventando una delle chiavi per il successo della comunicazione web. E forse è proprio così.

Va detto effettivamente che un video ben strutturato, con un messaggio chiaro e di breve durata, colpisce sicuramente di più il fruitore rispetto ad un muro di parole, che molto spesso ottiene l’effetto contrario e scoraggia la lettura.

A questo punto mi sorge un grande interrogativo: in Italia quante associazioni già lo fanno, e quante di queste usano i video correttamente? Forse poche, troppo poche, ma nel panorama Italiano, si trovano davvero delle perle interessanti!

Iniziamo con il dividere i video in due categorie e facciamo qualche esempio.

Leggi subito

Corsi di fundraising

Corsi di fundraising